i

RITORNO IN OLANDA

Peter torna in Olanda con una valigia piena di ricordi. La sua valigia non serve a riporre abiti o effetti personali, ma come mezzo per portare regali: ai suoi amici italiani e ai suoi amici olandesi. Ha dedicato una buona parte della breve vacanza a decidere come riempire la valigia per il ritorno. Gli ho chiesto che cosa gli piace di più della nostra regione. Scopro così che per lui il Castello di Manta è un luogo indimenticabile, che a Torino torna sempre volentieri per visitare i musei e le mostre, che le Langhe gli piacciono, ma se c’è un appuntamento a cui non può mancare ogni volta è la montagna, uno spazio affascinante per un olandese. Si stupisce sempre quando entra in una chiesa: le nostre sono così ricche di decori rispetto alle loro. Ama anche il mercato di Cuneo con tutte quelle bancarelle e negozi di firme che nel suo paese sono ambite e assai più costose. Non mi ha sorpreso sentire che il cibo occupa un posto speciale nel suo immaginario. Ha raccontato che la prima volta che è venuto in Piemonte si è trovato in difficoltà perché i ristoranti offrivano poche possibilità per un vegetariano. Poi, ospite di amici, ha scoperto la cucina casalinga, i sapori della natura e i formaggi. Ogni volta che assaggia qualcosa è curioso di capire cos’è e da dove provenga. La sola idea che gli ingredienti siano dell’orto, che il basilico sia cresciuto sul terrazzo o che abbiamo cucinato per lui qualcosa di “molto tipico” costituisce una gioia, un aneddoto da raccontare o uno stimolo per un acquisto. Riempiendo la sua valigia Peter cerca di portarsi un po’ di Piemonte in Olanda. Due anni fa ci ha messo anche due vasi di gerani e uno di basilico: sono morti di freddo, ma per un po’ hanno rallegrato la sua casa. Oggi la sua valigia mi è sembrata, come sempre, molto interessante. Tra poche ore giungerà a destinazione con una scorta di formaggi, acquistati al supermercato, ma con una bella bandiera italiana sopra; un sacchetto di caramelle alle erbe alpine; una confezione di Cuneesi; un’albarella con la marmellata fatta in casa; un vasetto di crema di olive e alcune preziose e piccole zucchine con cui domani si preparerà una pasta che ricordi i sapori dell’Italia. Peter viene in Piemonte da molto tempo, ma, in generale, il numero degli Olandesi in viaggio nella regione è molto aumentato. L’Assessorato al Turismo alcuni anni fa aveva portato avanti un’azione importante di promozione in quel paese e i risultati si vedono ora. KLM, che non faceva più rotta su Torino, ripropone voli da Amsterdam e le presenze di viaggiatori dai Paesi Bassi sono in crescita. Che cosa piace agli Olandesi del Piemonte? Peter mi ha dato una chiave di lettura, ma altri ospiti provenienti da quel paese, mi hanno detto di essere venuti richiamati dalle celebri Langhe, ma di essere rimasti stupiti dalla varietà del paesaggio e delle città, dai modi cordiali e talvolta pittoreschi degli “indigeni”, dal patrimonio artistico e naturalmente dal cibo.

L’individuazione delle motivazioni al viaggio è fondamentale per accogliere meglio gli ospiti. Avviamo con questo racconto un’”indagine” sui viaggiatori in Piemonte.

Raccontateci le vostre esperienze.

Nadia

Interessante!

Bravi, bella iniziativa :-)

Welcome!

Complimenti!!